La manutenzione degli impianti domestici è molto importante: ogni impianto dell’abitazione deve essere sottoposto periodicamente a controlli e interventi di manutenzione. Tra i diversi impianti è considerato ovviamente anche quello idrico.
Queste operazioni sono importanti per evitare di causare danni irreparabili e dover pagare costi di riparazione maggiori, è, inoltre, importante per mantenere elevata l’efficienza dell’impianto.

 

Secondo le statistiche la maggior parte delle persone non pensa all’impianto idraulico finché non si verifica un problema. A quel punto, però, i danni potrebbero essere irreparabili o comunque maggiori e di conseguenza anche le spese di riparazione.
Tutto questo però può essere evitato con la semplice manutenzione periodica degli impianti idraulici, deve essere fatta regolarmente e da un esperto.

In caso di danni e necessità di assistenza puoi contattare Idraulico Roma Pronto Intervento. 

Perché effettuare la manutenzione degli impianti presenti in casa?

E’ necessario effettuare una manutenzione di tutti gli impianti periodica, in quanto ogni oggetto è soggetto ad usura.

Effettuando una manutenzione periodica degli impianti noteremo diversi vantaggi: in primis il rendimento dell’impianto sarà sempre elevato e in secondo luogo,potremo risparmiare; maggiore è l’efficienza, minori saranno gli sprechi energetici e quindi anche i costi dei consumi. Per risparmiare maggiormente in casa è bene scegliere tra i diversi fornitori, il più adatto alle singole esigenze di utilizzo.  

Inoltre, tramite un controllo, sarà più facile rilevare eventuali anomalie di funzionamento prima che sia troppo tardi e il danno sia diventato ancor più grave, costringendoci a una sostituzione dell’impianto, decisamente più complessa e costosa della classica manutenzione.

Effettuare la manutenzione di impianti è essenziale. Bisogna farla per l’impianto elettrico, per la caldaia, per l’impianto di climatizzazione e idrico, perché essa ci consente di vivere serenamente, di risparmiare e anche di aumentare il valore dell’immobile.
Chi si trasferisce in una nuova abitazione, prima di effettuare le pratiche burocratiche di voltura, o di subentroo di allaccio delle utenze, verifica che gli impianti della casa siano tutti funzionanti e in buone condizione e richiedono certificazioni di manutenzioni ordinarie e straordinarie effettuate nell’arco degli anni. Ad esempio, per l’acquirente che vuole rendere la nuova casa Smart, per gestire da remoto, tramite la propria promozione internet, tutti gli impianti e gli apparecchi dell’abitazione, è importante che l’impianto elettrico non sia minimamente danneggiato, perché è vero che l’impianto domotico ha il vantaggio di segnalare anomalie, ma se il danno è grande, l’impianto domotico potrebbe essere colpito da una serie di danni collaterali che potrebbero portare alla rottura della centralina.

 

Gli impianti elettrici rientrano tra quelle tipologie di impianti che necessitano di controllo continuo. Facendo una manutenzione regolare dell’impianto elettrico si potrà evitare il rischio di incendio, che potrebbe essere causato dal carico lavorativo dell’impianto, il quale riscaldandosi potrebbe appunto prendere fuoco.

Tra i rischi c’è anche quello di elettroshock, se ad esempio i cavi non sono coperti. Per tutelarsi, bisogna far montare il salvavita e controllare che il suo funzionamento sia corretto.

Come funziona la manutenzione dell’impianto idrico?

Trattandosi di un impianto complesso sarà necessario contattare un tecnico specializzato che controllerà l’impianto di adduzione (tubazione, serbatoi), la rete di distribuzione dell’acqua e l’impianto di scarico. Per evitare di incorrere in una manutenzione straordinaria dell’impianto idraulico, che potrebbe risultare piuttosto costosa, è buona norma effettuare una pulizia periodica delle parti esterne e più visibili dell’impianto idrico, che possiamo svolgere in modo autonomo.

Ecco alcuni passaggi per svolgere una manutenzione fai da te dell’impianto idrico:

  • fare scorrere l’acqua per qualche momento prima di utilizzarla (specie se la tubazione non veniva usufruita da tempo)
  • svitare i filtri dei rubinetti e metterli a bagno nell’anticalcare o nell’aceto bianco per togliere il calcare e impedire la formazione di germi dovuta all’ostruzione dei tubi
  • non gettare mai prodotti corrosivi negli scarichi perché potrebbero danneggiare le tubature interne.
  • chiudere tutti i tubi e verificare che il contatore dell’acqua sia fermo, così da capire se ci sono perdite d’acqua

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *